LUCIANO E 'A TIVVUMANIA

 

 

 

 

 

 

 

Viè da me Luciano, amico dè ‘na vita, e che ha abbitato a P.zza Geremia Bonomelli fino a che nun s’è sposato e è annato a via Enrico Cravero andò abbitava ‘a moje. Sempre a la Garbatella. M’aveva telefenato dicenno che “sentiva er bisogno de conzurtasse cò me”. «Ma certo», ho risposto. «Anzi. Me fa piacere sentì che ‘n’ amico me cerca perchè posso ascortallo e magara risorveje ‘n probblema». Quanno che vedo Luciano me renno conto che er “probblema” nun è da poco. Si! A prima vista pare ‘na stronzata, ma poi sentennelo raccontà, capisco che, inzomma, nun è tanto ‘na cosa pè me. Però cerco dè nun deludelo e faccio domanne su domanne. «Lucià. Pe telefeno m’hai detto che sei stato da ‘no psicanalista». «Si. Ero arivato a guardà tutto er giorno e ‘a notte a Tv. Guardavo de tutto e senza stancamme. Er brutto è ch’ero tanto confuso. Me scordavo de tutto. Puro che a casa c’era mi moje Bruna che pè fortuna è ‘na santa donna». «Vabbè. Ma che guardavi 24 ore ar giorno?» «E che guardavo? Nun ciò so! Guardavo tutto: li realitì. Li teleggiornali. inzomma ero informato su tutto. Sapevo tutto quelo che succedeva a la Cammera, ar Senato e purtroppo puro de li femminicidi e de ‘a Costa Crociere. E nun parlamo poi d’ò sport: er carcio, ‘a formula 1…»  «Vabbè. Ma nun me pare de vedè tutta stà gravità!» «Si. Dichi bene tu Arvà, ma lo so io che ciavevo drento ar cervello! ‘Na confusione! Oramai me sbajavo e senza fallo apposta!!! Chiamavo Bruna,”Santanchè”. Mi fratello l’ho chiamato un par de volte “Giova”. Quelo de Ballarò. Ma la cosa più grave è stata quanno che ho chiamato mi fija “Platinette”. «Eppoi?» Je faccio. «Eppoi appunto me so deciso d’annà da ‘no Psicanalista che m’ha dato un par de mesi de cura». «Naturalmente sedativi e tranquillanti» ho azzardato. «Nooo! Macchè! M’ha proibito de guardà a Tivvu» «E pè du mesi interi?» «E certo! E sissignore! Du palle!»  «E che facevi tutto er giorno?» «Te l’ho detto adesso! Me facevo du palle così» M’arisponne Luciano. «Ma perchè parli ar passato? Mo stai bene? Sei guarito?»  «Ma nun ciò so si so guarito! E’ pe questo che so venuto da te. Ho bisogno d’aiuto e ho bisogno anche de consiji» «Okkei Lucià. Provamo. Però me dovressi da di mo come stai seriamente...che ciai...si penzi de nun esse guarito. Sinnò come faccio a aiutatte?» «Ciai raggione! Mo te dico tutto! Allora. ‘A situazzione mia adesso è questa: doppo er primo periodo de cura, d’astinenza inzomma, me so parzo mijorato.
E invece ho cominciato a sognamme, da svejo però, che telefonavo “all’Ispettore Capo d’a Polizia de Stato Lisa Dilani”. Talefenavo a “Donna detective” e je chiedevo aiuto. Volevo esse liberato! Poi, volevo vede Roma – Lazio. Me so fatto aiutà da ‘n’amico che abbita vicino a me qui a la Garbatella e so ito a vedella a casa sua. Inzomma Arvà ‘na sofferenza e ‘na tragedia!» «Stà a sentì Lucià» ho attaccato serio. «Io ho cercato de stà attento a tutto quelo che dicevi e te devo da dì che ‘a sicurezza che sei guarito nun ce l’ho. Po’ puro esse che adesso stai mejo. Però tu hai detto de esse stato a casa tutto er giorno e che te sei fatto du palle così, ma nun m’hai detto si stavi tutto er giorno da solo oppuro c’ereno tu moje e ‘a Famija»  «No Arvà. Nun so stato mai da solo e me sorvejaveno sempre. Giorno e notte». «Allora. Annamo io e te a casa tua Lucià e chiedemo a la tua gente de sorti’ pè ‘n par d’ora. Abbasteno» Annamo a casa de Luciano e m’ò metto a studià. Pareva carmo. Dà n’o sguardo a la Tv cò indifferenza, gira ‘a testa de qua e de là e cerca, cerca… poi s’avvicina all’armadio der salotto, acchiappa n’oggetto e comincia a strilla tutto eccitato: «l’ho trovo! L’ho trovo!» «Che hai trovo Lucià?» «Ho trovo er telecomanno. Presto Arvà  che devo vede quanno c’è: “me lassi ‘na canzone, Ballarò, ‘A finale de San Remo e magara puro Top Crime”».
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Me ne so ito de corza perché, daje e daje, m’ero accorto che me stavo a pià ‘a malatia puro io. Difatti avevo cominciato a chiedeme “e andò starà er telecomanno mio? E a che ora comincia “un posto ar sole?”. Poi ho telefenato a Valeria e j’ho chiesto “ma er Medico in Famiglia quanno o fanno? Valè me devi da vede puro quanno c’è X-Factor…

Alvaro Cardarelli

Comments powered by CComment

SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

  

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline