LI GIOIELLI DE FAMIJA

 

LI GIOIELLI DE FAMIJA        

                                


Armando, spinto dar cuggino Ennio, portò contro voja arcuni ricordi de famija a un «Compro Oro». Quanno che arivò ar negozzio, Armando arivortò sur banco er contenuto de ‘n sacchettino. «Che ce posso aricapezza’?», domannò a uno dietro ar bancone der negozio. “Du’ sassi pe’ tiralli co’ ‘a mazzafionna”, rispose quelo che poi era ‘n Orafo. «Ma so’ I’orecchini de mi zia Filomena!», rispose Armando tra l’offeso e l’incazzato!». “E, m’hai detto ‘n piffero, m’hai detto. Ma chi ‘a reggina Elisabbetta?” Rimpinzò l’Orafo “ma a quale Castello abitava tu zia Filomena. Ar castello vicino a Bagnacavallo?” «a morè». Strllò Armando «mo che fai ‘o spiritoso? A parte che mi zia Filomena è nata, vissuta e morta a via Magnaghi a la Garbatella. E pè fatte capì a Roma! Sai andò stà ‘a Garbatella a Roma?” Ma questi so orecchini che ereno da Nonna de mi zia Filomena e settant’anni fa, mi zia, in un momento de povertà e de sconforto li portò a fa vede e annaveno forte!». “E mo’ dovrebbero annà ar cesso, dovrebbero!” riattaccò l’Orafo. «Ahò! Tu compri l’oro. Lo pesi e me dici quanto me poi dà! Compri l’oro e basta! Mica me poi rompe! A te te deve da ‘n’ teressa’ er peso de l’oro e bella fatta finita!» ”Si fusse oro” disse gelido er titolare der negozio.” «E ‘n’vece che dè? A “cosa” de le serve? Che ‘a vonno tocca’ tutti e nun sa compra nessuno?» “Che dèèèè? E’ ottone! Ecco si che dè” j’arispose gelido l’orafo. «Ottoneee?» fece allarmato Armando «Ma come?» ”Si. Ottone. Fatto bene ma è ottone. Me dispiace pè te…ma io che ce fò?” «Ma che dichi aho? Ma si zia Filomena…» “Che te diceva zia Filomena che era oro giallo. Bianco. Ma che te diceva?” «E che me diceva? Che era ‘n ricordo caro de famija e che nun l’avrebbe vennuto pè tutto l’oro der monno! Puro perché era oro puro nun me ricordo si a quanti carati era!» ”:Ma chissà andò l’aveva comprato…e comunque sia l’hanno solata, miccata, cojonata. ‘N’ zomma je vennettero monnezza” «Ma none» replicò Armando «Je li rigalò er marito, zio Renato, pe’ er decimo anno...»  “e così l’ha presa per culo!”  fece l’orafo «Aho! E falla finita!»
s’incacchiò Fernando!  «So’ sempre li parenti mia!». ”E vabbè! Ma li pezzi d’ottone de loro li voi dane a me!. E io che c’entro si zi’ Renato era ‘n fijo...” «Era fijo de Nonna Santina. Anzi, magara puro lei ha lasciato quarche cosa». “Si è tutta robba come ‘ste breccole d’ottone” fece i’orafo, adoprale pe’ giocacce a tombola. Ce segni li nummeri mano a mano che sorteno. Tanto a Natale ce semo vicini. Anzi ecchelo. Ce semo!”

Stanco d esse preso ‘n’ giro, Armando tornò dar cuggino Ennio e je riconsegnò l’orecchini preziosi de zia Filomena e tutto l’oro. “Ma nun l’ai vennuto l’oro? Chiese er cugino. «Macché!».fece Armando «A quelo je ‘nteressa sortanto l’avorio».

“Ah!” Escramò Ennio. “Mo vado a casa. Magari spurcia de qua e spurcia de là trovo ‘n’ po’ d’avorio...” «Ma no» disse Armando «lassa perde de cercà. Poi fa’ prima e de parecchio e senza cercà!». “E come?” «Mbè. Visto che sei così scemo da garantimme l’ottone ar posto de l’oro e me fai fa figure de cacca, vatte a fa ‘na tacche ar cervello.  E ‘n’elettroncefalogramma a ‘e palle»

E se lassorno così pieni de rancore! Tutto pe’ corpa de loro de zia Filomena…

Alvaro Cardarelli

 

 



© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca su “Più informazioni”