LAZZIALE FRACICO E ROMANISTA

LAZZIALE FRACICO E ROMANISTA PERZO                                  2 Maggio 2012


Marco, Lazziale fracico, entra ar Green Bar da Piero e vede l’amico Gianni, Romanista de queli perzi
e je fa: «Mamma mia si come state messi male! Pijate certe scoppole» «Si ma stà pè fini!» Se difen.
ne Gianni.«Stai manzo e vedrai! Pare che compramo uno cò ‘e palle!» «Si. Magara, visto che cò e
palle ce sa fà, ‘e palle ve ‘e fà girà». «Vabbè. Mò ciò sò che devi da rompe» fà Gianni «ancora devi
da sapè chi piamo e già frantumi i cosiddetti». «Aho! » rilancia Marco. Nun ho detto mica gnente!
Daje. Parla. Chi piate? Messi?» «Ma quanto sei stronzo!», dice cò ‘a voce ‘strozzata Gianni «chi ‘o
sà come famo a pijà Messi… piamo un centrocampista Argentino. Se chiama Cessos. Gioca ner
Boca» «Giocherà nder buca», rilancia Marco «si se chiama Cessos, va bene cò buca. D’artro canto
che c’è ner cessos? ‘Na buca!». «Aho! Che palla che sei! Mo stai a pià per culo per cognome? Chi
‘o sa che cazzo c’entra?» «Ah! Nun c’entra gnente? Già sete pieni de cognomi strani: Cassetti,
Gago, Piscio, Lamela, Lapera, Borini, Burini…» «Er bove che dice cornuto all’asino. Me venghi
proprio a ciccio de sellero. Perché, allora voi, che sete burini davero, nun ciavete li Brocchi, Rocchi e
Gnocchi. Ar sugo però. Eppoi ciavete Alfaro, che forze è parente d’Arvaro d’a Garbante
(Arfaro…Arvaro...mica cambia tanto), Ciavete Bava…» « Fermete a Già. Fermete! Biava, no Bava»
«Si vabbè a Mà. Ma poi, Biava a Bava, ma che te frega. Ner Campionato Itagliano è pieno dè nomi
strani, tipo: Ranocchia, Grosso, Maggio…giugno e luglio. E te te stai a meravijà si piamo uno che se
chiama Cessos? E chi se ne frega! Mejo un Cessos oggi…» «che ’n cacatore domani!» interviene
Marco «ma andò ‘o fate giocà stò mostro de bravura? A centrocampo hai detto? Ma poi,‘a Già,
dimesela tutta. A voi ve servirebbe ‘n miracolo, artro che Cessos. Anzi. Perché te che sei Romano,
nun porti tutta ‘a squadra d’a Roma, compreso l’Allenatore, a la Madonna der Divino Amore? Che te
ce vò? Li porti lì. Li fai benedì e nun se sà mai che ‘a Madonna nun ve fa er miracolo! Hai visto mai
che ‘nvece de perde 4 a 2 a Lecce, 4 a 0 a Torino e a casa cò ‘a Fiorentina, nun riuscite a perde 7 a
0 còr Cittadella o cò Arbinoleffe. Tanto er posto vostro è giocà cò ste squadre…» «Tranquillo
Marco, scialla. Tanto ve stamo a ripijà e ve famo er sorpasso. Ciannamo noi in Championse. E voi
ce vedete a pagamento in televisione». «Si vabbè! Cò quà specie d’Allenatore che ciavete ma andò
annate. Lui cià er progetto! Ma de che parla Luiseriche? Ma de che pisolo parla? Er progetto. T’ho
dico io qual’è er progetto suo. De riannessene de corsa che qui a Roma sinnò je danno ‘a sveja. ‘O
cacceno a carci ‘n culo! Artro che progetto!» «A Mà, mo me fai ‘ncazza sur serio! Nun te piace Luis
Enrique? Ma te che ne sai de carcio giocato? Ma hai visto che cò quattro passaggi annamo ‘n porta?
Ma l’hai visto o parli tanto pè dì quarche cosa…sete proprio ‘gnoranti. Ammazzeve si quanto sete
‘gnoranti! Nun ce capite ‘n cazzo de pallone e sputate puro» «Stà a senti bello de Mamma tua! Nun
ce trattà da ‘gnoranti a noi. Hai capito? ‘A bellino! Noi semo queli che amo portato er carcio a Roma.
Ner 1900! 27 anni prima de voi!!! T’ho sei scordato? Mentre voi facevate elementari noi stavamo
all’Università der carcio! A Già, famme sapè quanno che inauguri er cervello nòvo che te fò ‘n ber
rigalo!!!». «Marcolinoooo. Noi semo queli de Testaccio. Te dicheno gnente li nomi dè Masetti, Furvio
Bernardini, Bodini, Ferrari, Fasanelli, Costantino e Volk? V’avemo dato tante de que botte che
ancora ciavete li bozzi» «E me cojonse! Me fai quasi ride. A qui tempi, tanto pè fa du nomi a caso ne
la Lazio giocaveno tale Sirvio Piola, Levratto, Ferraris IV°, Gipo Viani e Blason. Nun so si rendo…».
A quer punto interviene Piero er Barista che dice:“State buoni. Siete due amici e non dovete litigà.
Poi diciamola tutta. Litigate per due squadruccie e…” Ma nun ha finito ‘a frase che i due, Marco e
Gianni, so sartati come dù ossessi e j’anno strillato quasi inzieme ‹Aho! A Piè. Tu vaffanculo te e a
Juve! State a piagne dopo ‘gni partita, l’Arbitri nun vedeno i gol che ve so entrati drento più de ‘n
metro e mò ce venghi a dì che e du Squadre d‘a Capitale so du squadrucce? Aho! Qui se parla de
Roma! ‘A Capitale d’Itaglia e der Monno. Mica de Cetona andò sei nato te! A Piè! M’arivaffanculo e
fischia…ma fischia forte però!!!›. A stò punto Marco se gira verso Gianni e chiede: «’a Già che se
piamo? O voi er caffè?» «No a Ma. Preferisco n’ cornetto e n’ cappuccio» «Vabbuò». E rivorto ar
barista: ‹Vartere n’ caffè pe me e ‘n cornetto e cappuccio pè Gianni›.


Alvaro Cardarelli