LAZZIALE FOR EVER

 

LAZZIALE FOR EVER

Vojò bbene a Carlo (Carletto) pè dù motivi pè me ‘mportanti:

- E’ Laziale “fracico” e parla sempre in un bellissimo Romanesco Trilussiano.

Proprio perché je vojo bbene che ho accettato dè faje compagnia a ‘n ’Ospedale Romano, andove doveva fà un semplice prelievo dè sangue pè ‘n’analisi. “Doveva da fa!” Ma c’è riuscito? Racconto che è successo: “Arvà. Allora me fai compagnia e me fai puro da autista?”.

“Se capisce”, j’ho risposto, “annamo cò a maghina mia”.

Mercoledì matina partimo alle 7. “Sai”, me dice, “mejo si annamo presto che trovamo meno ggente”. “Certo Carlè”.

Quanno c’arivamo era pieno dè ggente che si uno se voleva mette a sede, ‘o poteva fa solo pè tera! Vabbè. Carlo aveva preso er numeretto e ciaveva A 23. Li sportelli pè fa er tichette opreno a ‘e sette e mezza e quanno che s’opreno s’illumineno ‘na decina dè numeratori luminosi sparsi quà e là. Carlo era già nervoso e me chiede: “Arvà, ma si ciavemo A 23, come mai che s’accenneno puro C 10?”. “E che ne sò Carlè. Prova a chiede ar Vigilante che magari t’arisponne”.  Detto fatto. Carletto s’avvicina ar Vigilante e chiede. Quello j’arisponne: “E lettere A, sò pè ‘a ggente normale e le C sò pè l’invalidi e donne incinte”. E qui comincia er dramma. Carlo guarda er Vigilante e jè fa: “allora puro pè li romanisti che più ‘nvalidi dè queli!”

E se gira verso dè me ridenno. Er Vigilante nun ‘a pià bbene e dice: “aho! Io sò romanista.

Te paro ‘nvalido te paro?”. Intervengo io:”ma no. Ha fatto sortanto ‘na battuta!”. “Mbè ‘e battute annatele a fà da ‘n’antra parte. Capito?”. Acchiappo Carlo pè ‘n braccio e ‘o porto via. Ma vattene! Finarmente tocca a noi. “E’ scito er 23. Amo vinto ar lotto. Amo fatto tombola!” Strilla Carlo a voce arta e mentre dice così và davanti a ‘o sportello adatto. Li dietro ce ‘na donna cò li capelli a la Sor Pampurio e co ‘a faccia già stufa. Carlo che fa? Je mette sotto ar vetro ‘a richiesta der Medico pè l’analisi e ‘a tessera de ’a Lazio. Quela, che stava a testa bassa, come vede ‘a tessera arza lentamente ‘a faccia e mentre guarda ‘ncazzata Carlo, je ridà er certificato e cò ‘a voce roca je dice: ”senta, come vede ce sò altri tre sportelli qui vicino a me. Ne scelga uno e se ne vada. Per favore, se ne vada che a me me viè dà vommità solo a l’idea che faccio quarche cosa per un lazziale!”. Ariacchiappo Carlo pè ‘n braccio e ‘o riporto via. E’ finita? Macchè! ‘A dà venì er peggio. Rifamo ‘a fila e aspettamo che chiameno l’A 23. Finarmente se sente ‘na voce dè donna da l’artoparlante che chiama: “A 23. Stanza 2”. Carlo se move verso ‘a porta ma se gira e me dice: “Arvà, famme compagnia che io ciò paura!        Io quanno che vedo er sangue me viè dà sveni!”. “Vabbè a Carlè”, arisponno. “Speriamo che me fanno entrà puro a me”. Entramo e c’è ‘na bella regazza soridente che domanna:“a chi devo fa er prelievo?” E Carlo cor deto verso de me: “a lui” dice. Io intervengo ‘n’antra vorta e cor soriso dico: “scherza. Io so solo ‘n’amico che je fa compagnia”. Ma ecchetechè! Da ‘na porta laterale entra ‘n’ Infermiere arto 1 metro e 90 che come vede Carlo je dice:”aho! Io già te conosco a te! Tu sei quelo che stava a fà ‘o spiritoso li a li sportelli per tichette! A lazziale, mò so cazzi tui! “. Poi se gira verso ‘a ragazza e je dice: “a Luisè, faje 5 buchi sbajati a stò zozzo lazziale!”. E nun è che rideva, anzi! E Carlo? Se stà zzitto e bbono? Ma quanno mai!                   Ho guarda e je fa: “senti aho. C’è chi nasce zoppo, chi nasce c’ò l’occhi storti e chi romanista!”. “Mortacci! Fa l’armadio cor camice bianco. A Luisè , allora a stò poveraccio lazziale fajene ‘na decina dè buchi sbajati”. A quer punto me so ‘ncollato Carlo e l’ho portato via. De fora dè l’ Ospedale j’ho detto: “a Carlè, mejo che ‘analisi le fai a n’antro Ambulatorio dè n’antro Ospedale che qui ormai se mette male pè te e puro pè me!”.

“Si Arva”, m’arisponne. Io poi er sangue mio Laziale a sti zozzi ’nfami nun jo faccio manco vede. Che er nostro, Arvà, è sangue nobile. Mica è mischiato co quelo dè li lupi”. Io ho accellerato er passo e semo annati via.

 

Alvaro Cardarelli

Comments powered by CComment

EVENTI&SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline