PIATTI DA SOGNO...

Piatti da sogno…

 

Se capì subbito che stamio messi male: niente inzegna fora dar locale.

Niente menù (né scritto né a voce).

Ce fù chiesto sortanto: “volete l’antipasto?”.

E quanno che arivò l’antipasto (che era formato da ‘na sola cosa che pareva ‘n suppli drento a ‘n piattino), se capì tutti ‘nzieme che er posto scerto era sbajato!

‘A decisione d’annà a quer Ristorante l’aveva presa “Claudio ‘o sciorto” che ciaveva detto:

“mò che se semo aritrovati, annamesene tutti e cinque (s’era aggiunto puro Carletto) a magnà quarche cosa ‘nzieme”.

Io e pè primo, affonnai ‘a forchetta tajanno ‘n due quelo che pareva esse ‘n supplì e capii dù cose:

1) drento (gnentedemeno!) c‘era davero er riso;

2) ma basta accusì. Né mozzarella nè artri cazzi vari.

 

Er primo che parlò fu Carlo: “Era mejo annà a magnà dar Capoccione” disse.

Ma ormai era fatta. D’artro canto ‘a scerta der locale era stata fatta tra un Ristorante conosciuto e uno novo. “Vabbè, je rispose “Fabbio er patata”, ‘a Carlè mò vedemo! E nun fa a bocca de mecia! Aspettamo a vede si qui armeno se magna!”. Ma poi er patata, quanno che vidde er primo piatto, disse “qui ce fanno morì dè fame!”. “Sandro er corto circuito” mise er deto ‘nda piaga: “v’avevo detto dè nun movese da la Garbatella. Armeno lì magnavamo!

“E magnavamo bene”, aggiunsi io!

“Aho”, disse Claudio, che s’era abbioccato e mezzo offeso “e mica v’ho portato dar bujaccaro”. E poi aggiunse in Italiano ciovile: “questo è un classico tipico Ristorante Vietnamita”

Ristorante Vietnamita dicessimo tutti quasi ‘n coro!!! Aho! ‘A Clà, ma che vedi che ciavemo l’occhi a mandorla?”.

Poi, mentre l’impianto stereo del locale diffondeva un intero cd di musiche per Sitar “Sandro er corto circuito” disse: “aho! Ma che cazzo dè musica è questa?”.  “Dè tendenza”, je rispose Carletto che dè musica era ‘n’intennitore. “E anfatti” disse Sandro “Dè tendenza! Tende proprio a rompe li cojoni”.

“Basta”, dissi io, “mò ‘a stamo a fa traggica! Mò, pagamo e s’annamo tutti a magnà da Gabriella”. “E mò chi è Gabriella?”,  domannareno ‘n coro.

“E’ ‘a madre de ‘n’amico mio che nun vedo da tanti anni e che cià ‘na Trattoriola vicino a Tor Marancia. Piccola, accusì piccola che momenti nun cià nimmanco i tavolini, ma fa ‘a cucina Romana casereccia bbona e cià er vino de li Castelli. Er servizio po’ esse scarsino, ma armeno magnamo da Cristiani nati ‘a la Garbante! “.

Doppo  stà sparata mia, mannassimo  ggiù quer poco che ciaveveno portato a tavola e poi  s’arzassimo, pagassimo e s’annassimo via.

 

Doppo nemmeno mezz’ora drento da Gabriella, passata l’incazzatura, magnato come sprocetati e fatto a pezzi er povero “Claudio ‘o sciorto”, cominciorno ’a canta ‘e canzoni Romane de li Nonni. Tipo: “’o vedi ecco Marino ‘a sagra c’è dell’uva”. E cantaveno accusì forte che Gabriella me venne vicino a ‘n orecchio e me disse: “Ma che se sò ‘mbriacati?”  “No”, i’arisposi. “E’ che er viaggio dar Vietnam a qui è stato lungo e faticoso e mò so tutti contenti d’aveja fatta”. E poi ce fù ‘a chiusa. Gabriella disse che pè er conto piava li sordi solo da me perché aveva visto che l’antri amichi, già mezzi brilli, spigneveno pè pagà.

A la fine ‘a soluzione ‘a trovò proprio Gabriella che disse:

“Aho. Io qui ciò da lavorà! Vedete da annavvene. Pè li sordi domani m’ha vedo cò Arvaro”.

Memorabili poi furono puro li scappellotti che arimediò “Claudio ‘o sciorto”, che ciaveva li lucciconi perché se sentiva corpevole d’esse ‘n po’ Vietnamita.

 

 

Comments powered by CComment

EVENTI&SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline