SANDRO "ER CICERONE"

SANDRO “ER CICERONE” Agosto 2012


Viè da me Sandro “er corto circuito” e me dice: «Arvà. Deveno da venì du cuggini da Avignone in
Francia e io e Lauretta nun sapemo come movese e andò portalli. Devo da fà da Cicerone! Che
dichi? Che me suggerisci?». «A Sà» faccio io «e che ne sò. Nun li conosco. Nun sò manco
come ‘a penzeno e che je pò piacè. Che te dico? Bocio? ‘Ntanto, a seconno dè l’ora che
ariveno, porteli a magnà. Anche a casa tua tanto p’arispagnà. E poi prova a fà parlà loro e fatte
dì che je piacerebbe fà e andò je piacerebbe annà. Roma è ‘n pozzo dè meravije! Eppoi a Sà,
mica sarebbe male faje fa ‘n giro pè li lotti d’ ‘a Garbatella. Questa è casa tua! Tu, come me,ce
sei nato e l’ha conoschi bene! Hai voja te a faje vede» «Si Arvà. Li soliti Cesaroni, ‘a funtana dè
Carlotta, Piazza Sapeto…ma questi che cazzo ne sanno dè Carlotta?» «
Senti Sà. Io ciò sapevo che prima me chiedevi e doppo voi fà come te pare!. Io nun dico che je
devi da fa vede solo ‘a Garbatella ma, per esempio, si ariveno dè sera, nun sarebbe sbajato che
je facessi fa un giro dopo cena.
Eppoi: lassa perde li Cesaroni che cò noi nun cianno tanto da spartì.
Ma scherzi? Me chiedi andò li porti a la Garbante? Li porti a P.zza Benedetto Brin, ar Lotto 1, a
faje vede a lapide de re Pippetto che dice che ner 20 innaugurò tutto. Eppoi: l’Arberghi, er
Palladium, ‘a Scola Cesare Battisti, Sant’Eurosia cò ‘a Chiesoletta e via Paradisi, er Lotto 24 che
è ‘n gioiello, P.zza Masdea, l’Asilo de li cacca e piscia e le Catacombe dè Commodilla nell’ex
Parco Serafini dè via Giovannipoli, eccetera, eccetera…però, dà retta, senti loro e poi decidi».
- Se lassassimo così. M’era parzo soddisfatto. Pareva come l’avessi aiutato a respirà.
Aspettavo anzioso pure io pè sapè com’era annata. Ecchetechè ariva. E dice:
«allora Arvà. Pè primo: li cuggini sò du ricchi che nun cacceno ‘na lira manco a ammazzalli.
Seconno: appena scesi a Fiumicino l’avemo portati a pranzo ar mare. Saranno pure perzone de
curtura, ma quanno che magneno fanno schifo! Sò peggio de li servaggi!
Magneno facenno ‘n casino de rumori. E nun ce crederai: io me so vergognato!
Poi uno di due, Pascale, come diceva de chiamasse lui, me dice: «Dove ci porti?».
«Beh...annamo andò ve pare. Potemo annà ar Museo, come se chiama? Nun me ricordo...»
«Ar Maxxi?», domannò Matteo, l’artro Cuggino. «Io Arvà, preso a la sprovista, cò è fette de li
piedi che già staveno in allarme, smiccio Lauretta p’avè ‘n riscontro cò lo sguardo. Avuto er
giudizzio de mi moije e rivorto a tutti e due, ricordannome quelo che m’avevi suggerito te, je fò
cò l’aria da primo ministro: “l’unico Museo che dovete da vede prima de parti’ e ce voranno ‘n par
de giorni pè vede tutto, è ‘a Città Giardino, l’ex Concordia o Remunia, oggi Garbatella.
C’è ‘n sacco da vede: er Palladium, che è ‘n’ Opera d’arte e che cià puro l’Unversità, Piazza
Benedetto Brin co’ a lapide der Re, quanno che ha innaugurato ‘a Garbatella ner 1920, ‘a
Funtana de Carlotta, che chi nun beve l’acqua dè Carlotta è ‘n gran…lassamo perde, ‘a salita
dell’innamorati, Sant’Eurosia, andò giocavamo all’Oratorio cò Padre Guido, la Casa dei Bimbi,
cioè er cacca e…arilassamo perde”. Inzomma Arvà. Te dovrei da bacià. Un successone!
Contenti da morì! Hanno fatto centinaia dè fotografie, firmati, riprese sonore cor microfono cor
quale commentaveno le foto e i firmini. Hanno fotografato puro un Ristoratore e li du Cochi.
Hanno poi detto che pubblicheranno tutto su ‘na loro Rivista che pubbricheno a Avignone.
E che ne parleranno puro a ‘na Tv privata che è de loro due. E parleranno puro de te Arvà
perché j’ho detto che scrivi li Racconti Garbati pè l’Associazzione Curturale Garbatella.
Arvà. E’ stato ‘n tale successo che m’annerebbe de invità a Roma certi parenti ricchi dè Lauretta
e faje puro a loro da Cicerone. Faje vedè stà meravija che è la Garbatella che te devo da dì, me
fanno un male boja e fette, ma puro io l’ho vista pe ’a prima vorta e finarmente come se deve…»
Alvaro Cardarelli