ROMANISTA PER AMORE

ROMANISTA PER AMORE!

Marzo 2011

Era parecchio che nun vedevo Sandro “er corto circuito”. Omo inteliggente e preparato su mòrte
cose. Lazziale doc ma nun eccessivo. Tifoso onesto e attaccato “ai valori lazziali”, come dice lui.
“Finarmente”, je dico nun appena ‘o vedo. “Finarmente Arvà”, m’arisponne abbracciannome.
“Come mai sei sparito?”, domanno. “Tutto bbene?”. “Si Arvà. Tuttobene, tranne ‘n fatto”. Capisco
subbito che se deve da sfogà e je dico; “montamo ‘ndà maghina mia e annamese a pià ‘n caffè.
Così me dichi tutto. Si te và dè parlanne, s’intenne”. “Si me và! Anzi ce n’ho bisogno!”.
Dopo poco erimio a tu per tu. Je fò: ”daje Sà, sfoghete. Dimme tutto”.
“Nun è facile. Nun è ‘na cosa grave. Ho sbajato! Ma n’omo a da esse sempre ‘n’omo Arvà”.
“Si vabbè” je fò pè consolallo. “Quarche vorta pò capità che pè ‘n motivo, magara che ce pare
futile, sbajamo! Semo dè carne ‘a Sà e nisuno dè noi somija a ‘n Santo. O no?”. “Si, è vero, ma
questa nun riesco a diggerilla! Nun ‘a manno giù!”. “A Sà, pè piacere, me voi comincià a ariccontà
o prima te voi fà ‘n piantarello…”. “Si, si. T’aricconto. Eccome nun t’aricconto? Però Arvà me devi
da promette che nun me pii ‘n giro e che nun ‘o dichi a nisuno”. “Promesso Sà!”, “Allora. ‘A storia
cià inizzio da quanno, da ‘n par de mesi, ho cominciato a frequentà l‘Azienda andò lavora mi
Cugino Fausto, che tu conoschi. Fausto lì è ‘na persona ‘mportante. E’ ‘n Capo ‘nzomma. Annavo,
piavo ‘n caffè cò Fausto e poi me ne tornavo ‘ndietro. Un giorno mi Cuggino decide dè famme
visità l’Azienda e, tra l’artri posti, me porta drento ar Call Center, andò lavoreno ‘na quindicina tra
regazzi e regazze. E lì scoppia er dramma. Te vedo una bella, cor viso perfetto e er fisico
mozzafiato, che pè dije bella ce voleveno tre ‘nzieme. Hai presente Sharon Stone Arvà’? Dè più,
dè più! Simpatica, me soride quanno che m’avvicino, allunga ‘a mano destra e mentre che strigne
a mia, cò ‘na voce ‘mpostata come ‘n’attrice, me sospira ‘n faccia: ‘molto piacere, Vanda’. Arvà. Da
quer minuto nun ho capito più gnente! Me sò ‘nformato da Fausto si chi era, si era sposata,
fidanzata. ‘Nzomma: ho finito dè vive! L’aspettavo quanno usciva. La invitavo in continuazione. Me
facevo ‘a barba tutti li giorni Dù palle Arvà!”. ”Ma ‘nzomma a Sà. Si ho capito bbene, stà Vanda nun
te se filava pè gnente e te seguitavi a ‘nziste!”. “Si. Ho ‘nzistito tanto e me ne vergognavo puro. Era
‘a prima vorta che beccavo ‘na scuffia così! Poi ‘a svorta fatale! ‘A fine mia Arvà! “ “T’ha detto dè
lassalla perde? “. “Ma magara! M’ha risposto dè si doppo tante vòrte che l’invitavo a cena!”
“Embè? Era quelo che volevi o no’? ” “Si che ‘o volevo e prima d’annà a l’appuntamento m’ero
giurato c’avrei sfonnato a tutti li costi e che nun l’avrei perza mai e poi mai e pè tutto l’oro der
monno!.” “Eureka” strillo io preso da ‘na botta de contentezza. “Aspetta Arvà, amico mio. Aspetta.
Che adesso ariva er peggio! Quanno prima t’ho detto che n’omo deve da esse sempre ‘n’omo,
ciavevo ‘n motivo. Senti mò. A cena paremio dù piccioncini. Ciùcciù e ciucciù. Sorisetti, voce de lei
affatata. Poi ‘a traggedia! ‘A l’improviso me chiede:.’Di che partito sei? Di destra o di sinistra? ‘.
“Nun ce penzo ‘n’attimo e dico:“ma io nun faccio politica. Me ‘nteressa poco”. Va bene!,
m’arisponne. ‘Ma quali sono i tuoi interessi? La Cultura? Il calcio? Già. Ma di che squadra sei?
Io tifo Roma’ “me fà”. A casa mia tifano tutti Roma. Mio padre, mio nonno, i miei fratelli. Pensa che
mio padre ha la fotografia di Totti a capo al letto. E a me fà morire De Rossi. Questi poveri
sdrucinati di laziali mi fanno pure pena. Anche tu tifi Roma vero?”. ”Arvà ero gelato! Pè ‘n’attimo
me sò sentito morì! L’ho guardata in silenzio cò ‘a bocca secca. Bella. Era bella come…come ‘n
dipinto! E, sempre guardannola nell’occhi, j’ho detto: ‘ma perché ciò ‘a faccia dà lazziale? A me me
piaceno da morì Pizzarro e Vucinic!’ A quer punto m’ho sò ritrovato abbraccicato a me e piagneva
come ‘n pupo. “A Sà” jò detto “e mò nun esaggerà. Hai detto ‘na bucia e puro nà cazzata”. Poi pè
consolallo ho provato cò ‘a frase fatta: “l’importante n’a vita è l’amore. L’amore pè ‘na donna è tutto
a stò monno! Ahò. Ma perchè seguiti a piagne come ‘n disperato? A vòi fà finita si o nò? “. “E’ finita
Arvà. SI. E’ finita! M’ha lassato! E ‘ndovina perché?” “E che ne sò a Sà. Dimmelo te, daje!”
“Perché ha svagato che sò Lazziale”. E io, nun sapenno che fà, l’ho abbraccicato de novo e j’ho
detto: ”Sandro mio. ‘Na donna dè meno e ‘n Lazziale aritrovato”.
Ma vattene! Er Lazziale, “legato ai valori lazziali”, come dice lui, chissà che avrebbe dato pè potè
strillà: Forza Romaaaa…


Alvaro Cardarelli

Comments powered by CComment

SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

  

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline