Il Saggio di Danza di fine anno del Ricerca Teatro danza Myricae si è tenuto, come di consueto, all’Auditorium del Massimo ed è stato, ancora una volta, un incredibile successo.
Gli allievi sono stati bravissimi; l’entusiasmo e la commozione dei genitori è stata la risposta più gratificante per Antonella Parravicini che si è prodigata, come sempre, per valorizzare il lavoro fatto durante l’anno.
A noi tutti, è stata evidente la crescita tecnica degli allievi di tutti i corsi; è stato emozionante osservare i loro progressi, la loro costanza e la loro professionalità. Lo spettacolo, del resto, ci ha sorpresi: effetti luce e colori; coreografie scintillanti e costumi eleganti ispirati alle Fiabe; ancora una volta, è stato confermato lo spessore artistico di Antonella Parravicini, una insegnante dall’aspetto esile ed elegante della ballerina ma capace di una determinazione di ferro, la stessa che le fa dirigere, da oltre venti anni, la sua scuola presso una delle palestre più antiche del quartiere. Antonella Parravicini si rivela, ancora una volta, non solo ballerina ed insegnante ma anche regista e coreografa di altissimo livello.
Questa occasione ha confermato, come sempre, il legame tra la scuola e gli allievi, un legame fondato sia sul rigore e sulla disciplina delle lezioni ma anche sull’entusiasmo e su una umanità non comune. Per lo spettacolo finale dal titolo, “… a raccontar fiabe”, anche quest’anno hanno partecipato gli allievi di tutti i corsi; decine e decine di ragazzi e ragazze dai 3 ai 20 anni che solo la professionalità e la creatività di Antonella Parravicini ha saputo fondere in un’unica energia in grado di impressionare il pubblico che il 16 ed il 17 giugno è entrato nell’Auditorium del Massimo convinto di assistere ad un semplice “saggio” mentre, invece, ne è uscito entusiasta per aver assistito ad un bellissimo spettacolo di danza dai risvolti introspettivi.
“…. a raccontar fiabe”, spettacolo danzante in due atti, non è stata una semplice esibizione di bambini e ragazzi che esprimono i progressi raggiunti nel mondo della danza, né, tantomeno, una recita di fine corso. E’ stato un particolare, originale ed emozionante percorso interamente dedicato alle fiabe, ovvero a quelle narrazioni che trovano la loro origine dalla tradizione popolare, caratterizzata da brevi racconti, centrati su avvenimenti e personaggi fantastici (fate, streghe, giganti e così via) coinvolti in storie con un sottinteso intento formativo e di crescita morale. Antonella si è mostrata maestra sensibile anche attraverso la coreografia, riuscendo a rendere la differenza tra la fiaba dalla favola; la presenza dell’elemento fantastico e magico è stata messa ben in evidenza attraverso il riferimento ad un immaginario collegio dove, come in ogni convitto, i ragazzi non vogliono dormire presto, e la governante racconta loro ogni sera, dal lunedì alla domenica, una fiaba diversa.
Le fiabe sono state e continuano ad essere un piacevole intrattenimento per chiunque e, magari davanti ad un camino, continuano ad essere gradite sia agli adulti che ai bambini. Inizia proprio da questa immagine il racconto della fiaba del Lunedi, intitolata alla Luna – lo sconosciuto che c’è in ognuno di noi. Si è proprio la luna, riferita alla parte che non vediamo, quella nascosta e tutta da scoprire per superare i timori, accettare i propri difetti e riuscire a scoprire cosa può dare. Si è passati al Martedì – Marte – La strega e lo spaventa passeri: rimarranno amici o no ? Cappuccetto rosso e il lupo; il lupo rappresenta lo specchio, il nostro specchio, quello dell’anima e non solo. Si è continuato con il Mercoledì – Mercurio Jumbo – il rapporto tra il burattinaio e fili. La vita per il burattino ha un senso con i fili ma lui vuole saper che cosa c’è fuori. Giovedì – Giove - il volo e il labirinto, ambientato in un bosco che intrappola in cui è difficile uscire, dipanarsi, il labirinto metafora della vita dove viene confermato che non tutti riescono ad uscire e a realizzarsi. Poi Venerdì – Venere - pianeta dell’amore quando meno te l’aspetti, forse uno delle più emozionanti rappresentazioni, la capacità di molte persone purtroppo di non riuscire ad amare, quelle bloccate, che non riescono a liberarsi, sono i cosiddetti anaffettivi con l’eterno cruccio sulla possibilità o meno ad abbattere le loro barriere.
E poi, il Sabato – Saturno – il paese degli indecisi – fantasticamente rappresentato da una magistrale coreografia dove in un immaginario paese un ipotetico bigliettaio emette biglietti per un fantomatico treno che in quella stazione non si ferma mai …… ma un giorno per la rottura di un treno, in quella stazione scesero i passeggeri di tutte le etnie del mondo … spettacolari le musiche e il coinvolgimento di tutti i ragazzi.
Per finire Domenica – Sole – l’invito a guardare con gli occhi dei bambini; troppo spesso ci dimentichiamo di guardare il mondo con i loro occhi, ricordare di quando si era piccoli con il desiderio di provare tutto e annusare tutto come gli odori e i sapori che poi ci riportiamo nel corso della vita.
E’ stato, anche quest’anno, un successo raggiunto grazie al lavoro realizzato durante gli incontri di 10 mesi in cui si è rafforzato lo spirito di gruppo e l’attaccamento al progetto. La tensione e l’emozione di entrare in scena e ballare per una manciata di minuti; offrire il massimo e dimostrare la propria tecnica, la propria eleganza e capacità, tutto ciò per cui si è lavorato un anno intero ripetendo “più fa male più fa bene”, uno dei motti dell’insegnante; la gioia e la vanità per i bei costumi, peraltro sapientemente confezionati nelle settimane precedenti, quel misto di lacca per capelli, scarpette di pelle e il retroscena del teatro stesso, la polvere, l’umidità saranno per tutti un intenso ricordo. Così come l’odore, difficile da descrivere, ma impossibile da dimenticare. E poi il brusio del pubblico dove le mamme, i papà e i migliori amici sono presenti, gli applausi per i compagni, mentre ciascuno di loro prega che anche per se stesso vada bene …. sono esperienze che uniscono fortemente e lasciano segni indelebili.
E poi ancora, i rumori, le risate, il ticchettio delle punte sul pavimento del palco, il calore delle luci dietro le quinte a conferma che la reazione che una persona sa dimostrare in determinate circostanze possa essere d’aiuto per conoscersi un po’ meglio. Credo che poche altre esibizioni, come il saggio di danza, riescano a simulare l’impegno che, ognuno, deve mettere nella propria vita: affrontare imprevisti, gioie, delusioni, in solitudine oppure condividendo la fatica insieme alle compagne; per questo la danza non è solo un’attività fisica o una grande passione. Con il passare degli anni i genitori che hanno accompagnato i loro figli in questo percorso, avranno potuto comprendere che parte della crescita delle ragazze che frequentano la scuola di Antonella sono strettamente legate al modo di vivere la danza. Ed è quello che auguriamo a tutti i protagonisti del saggio 2019: che ognuno sappia riconoscere quei sentimenti particolarissimi che nascono dall’aver vissuto esperienze di condivisione di un progetto comune, dove l’impegno di ognuno porta all’armonia di un tutto.
Rimarranno, come sempre, appassionate e piacevolmente nervose, le settimane che precedono questo “benedetto” saggio; settimane in cui sono tutti coinvolti: le mamme in particolare ma anche qualche papà; in particolare, pensiamo con simpatia a quelle mamme che, conquistate dal teatro, descrivono il proprio costume e, lungo la strada, cercano di mimare le sequenze di passi del saggio.
Non sappiamo se andranno avanti, ma è certo che questi momenti non li scorderanno mai. L’emozione di esibirsi davanti ad un pubblico le farà ricordare questi anni di danza. Ogni volta che capiterà loro di tornare a teatro si sentiranno a casa. La speranza è che i loro occhi possano brillare di fronte a una sipario che si apre con la stessa intensità ed emozione che prova Antonella Parravicini.

Un ringraziamento a tutti coloro che hanno reso possibile questo evento, a partire proprio dall’Insegnante, che ha messo a disposizione tutta la sua bravura e tutto il suo amore per la danza ed è riuscita a trasmetterlo alle ragazze del corso, per arrivare ai suoi genitori, Claudio e Liliana, sempre presenti ed insostituibili per quel lavoro di assistenza spesso celato “dietro le quinte” ma importante per i ragazzi e le loro famiglie, alla professionalità dei tecnici per aver allestito efficacemente le sceneggiature ed aver gestito il lavoro di backstage.
Ma oltre alla laboriosità ed alla costante ricerca della perfezione profuse per l’allestimento è da sottolineare l’importanza che Antonella rappresenta per i “suoi” ragazzi, per le sensazioni e le emozioni che quotidianamente fa vivere loro, e che trovano nel grande spettacolo di fine di anno il contenitore più importante per raccoglierle e la giusta vetrina per mostrarle.
Anche quest’anno è stato dimostrato che Ricerca Teatro danza Myracae non è solo una scuola di danza ma è un luogo dove si cresce, si diventa grandi nella sensibilità e nella attenzione alle semplici, determinanti cose quotidiane, una scuola anche di vita dove tra gli altri insegnamenti c’è quello forgiato nell’ormai famoso motto impresso nella testa di ogni allievo “non esiste non ci riesco, esiste CI RIUSCIRO’!!!!”, nonché quello di non rinchiudere i sogni in una gabbia, perché i sogni, che diventino o meno realtà, aiutano a far crescere i nostri figli.
Un pensiero anche a ciascun genitore, alle mamme in particolare, per la pazienza ed il sostegno costanti con cui sono stati partecipi in tutti i momenti del corso di danza 2018 – 2019, per le ansie dovute a qualche difficoltà incontrata nell’acquistare gli abiti e i dettagli dell’abbigliamento che meticolosamente e puntualmente venivano richiesti, ma da oggi rimane solo un piacevole ricordo, pronti a settembre per una nuova stagione perché consapevoli che proprio grazie a queste piccole grandi emozioni la vita … continua ad essere una cosa meravigliosa.

Walter Graziani
Presidente Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.rionegarbatella.it

Per saperne di più:
Ricerca Teatro Danza Myricae
C/o PLANET FITNESS Via Ciamarra, 32 – 00154- Roma Garbatella
Tel.06.5740601
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Inviato da Yahoo Mail su Android

 


Rispondi, Rispondi a tutti o Inoltra

Write comment (0 Comments)

18-19-20 GENNAIO 2019 presso PICCOLO TEATRO SAN PIO Via Paolo Stoppa 13
Consigliata prenotazione 3393892317

Si apre il sipario e siamo nello studio di Giantemistocle. In scena ci sono una scrivania lercia piena di fogli e posaceneri colmi di mozziconi. Alle pareti spoglie un calendario con donna nuda. Lui si alza dalla scrivania, si gratta le zone basse, poi si mette sul proscenio e si rivolge al pubblico...
Vi aspettiamo il 18-19-20 gennaio al Piccolo Teatro San Pio Via Paolo Stoppa 10 Roma

Write comment (0 Comments)

            

27^CORRIALLAGARBATELLA E I BAMBINI...CHI SARA' IL VINCITORE?

Come è noto, l’Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella con il contributo dei sempre giovani “vecchietti” del glorioso Gruppo Arcobaleno, in occasione dell’organizzazione della 27^ Corri alla Garbatella disputata nella piovosa giornata del 25 novembre scorso, ha proposto che ogni bambino partecipante di età fino a 10 anni presentasse, all’atto dell’iscrizione, un proprio elaborato; un pensiero che esprimesse con poche ma significative parole, cosa lo spingeva a partecipare alla “Corsa della Garbatella”: “perché” o “per chi” affrontava questa prova. L’elaborato poteva consistere in una riflessione eventualmente corredata da un disegno.
Le aspettative non sono state disattese, infatti circa 100 elaborati sono stati consegnati dai genitori dei bambini all’atto dell’iscrizione alla gara consentendo ai piccoli di sentirsi protagonisti della gara a loro dedicata sia dal punto di vista sportivo che creativo.
Nel confidare che l’evento sportivo Corriallagarbatella non rimanesse confinato alla sola data dell’ultima domenica di novembre, è stato concordato con la Presidenza e gli Assessorati competenti del Municipio Roma VIII, che il miglior elaborato venisse premiato - dopo la valutazione affidata ad una apposita Commissione – in uno dei numerosi eventi che verranno proposti dallo stesso Municipio nel prossimo mese di febbraio in occasione dei festeggiamenti del 99° Compleanno della Garbatella.
La scelta dei membri della Commissione, accomunati da un alto profilo professionale e sociale è una felice conferma dello spirito di appartenenza che lega intimamente ognuno di loro - per vari motivi - a questo unico, inimitabile quartiere.

Membri Commissione per la valutazione degli elaborati:

1) Amedeo CIACCHERI Presidente
2) Claudio MAROTTA Vice Presidente
3) Dott.sa Maria Laura CORAMI Membro
4) Prof.sa Antonella CAPPELLO Membro (con funzioni di Segretario)
5) Prof.sa Nadia NUCCIARELLI Membro
6) Prof.sa Patrizia MARTINELLI Membro
7) Prof.sa Francesca D’ALESSIO Membro
8) Prof.sa Paola SCUDIERI Membro
9) Dott.sa Patrizia BOTTINO Membro
10) Dott.sa Ivana GATTI Membro
11) Avv. Michele SUSANNA Membro
12) Dott.sa Monika NATALI Membro
13) Dott.ssa Adele MATTERA Membro

 

Il comunicato del Presidente del Municipio Amedeo Ciaccheri ovvero dell’Assessore alla Cultura e Politiche giovanili Claudio Marotta, con il nominativo del vincitore nonché il luogo ed il giorno della premiazione sarà in visione sui seguenti Portali Web :

www.corriallagarbatella.it e www.rionegarbatella.it

Facebook Rione Garbatella

Facebook Corri Alla Garbatella Gara Podistica

Write comment (0 Comments)

Quest'anno potrete trovare il Calendario Rione Garbatella 2019.

Presso le seguenti attività:

Botrini Ristorante Pizzeria

Viale Guglielmo Massaia, 25/B

Nero Vaniglia La Pasticceria della Garbatella

Circonvallazione Ostiense, 201

Centro Diagnostico Ostiense Pigafetta Gruppo HCIR Gruppo Privato di Sanità

Via Francesco Antonio Pigafetta, 1

Farmacia Santa Rita della Dott.ssa Adele Mattera

Via Alessandro Macinghi Strozzi, 11

Montanari Caffetteria Tabaccheria 

Circonvallazione Ostiense, 333-335

 

Write comment (0 Comments)

MOSTRA

CON-FUSIONE, LA TERZA REPUBBLICA di Dante Gurrieri.

Con-Fusione, il progetto iconografico di Dante Gurrieri arriva a Garbatella, con una mostra-evento alla Red Factory Roma.
Saranno esposte, per la prima volta, le opere di questo artista che ha fatto della fusione tra personaggi politici e icone dell'immaginario culturale e cinematografico, il suo tratto distintivo e caratterizzante.

Partendo dalla storia politica di questi ultimi tre mesi che qualcuno azzarda a chiamare "Terza Repubblica" perché sembra essere uscita da un romanzo d'appendice scandito da colpi di scena, Dante Gurrieri coglie in ogni singolo attore di questa vicenda alcuni tratti caratterizzanti come appartenenti, per similitudine o per contrasto, ad altri.
Nasce così il progetto "Con-Fusione": una combinazione di due immagini conosciute che crea una situazione nuova e improbabile, lasciando stupito l’osservatore.
In questo modo il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella diventa Amleto, il Ministro Luigi Di Maio diventa il Re Sole Luigi XIV, il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte diventa Robespierre e il Ministro Matteo Salvini diventa Bruto.

Il progetto "Con-Fusione" rientra nel fenomeno della "Mash-up art", una forma espressiva risultante dalla combinazione creativa di due o più fonti artistiche separate ed indipendenti.
Elementi di cultura universale vengono utilizzati per ingannare l'occhio e giocare sul contrasto, generando l’attenzione e lo stupore del pubblico.

Vernissage – Mercoledì 27 giugno, ore 19.
Esposizione - dal 28 giugno al 4 luglio 2018 dalle 10.00 alle 18.00 (esclusi sabati e domeniche).
Dove: Red Factory Roma
Via Francesco Orazio da Pennabilli n.5

Write comment (0 Comments)


“IO SONO LA MUSICA” AL RICERCA TEATRO DANZA MYRICAE

Il saggio di danza di fine anno che la scuola Ricerca Teatro Danza Myricae ha presentato all’Auditorium del Massimo, resta una conferma della sensibilità artistica di Antonella Parravicini, “piccola” grande donna che, da oltre venti anni e, da qualche tempo, in una storica palestra della Garbatella, avvia e forma nell’arte della musa Tersicore intere generazioni di bambini e di ragazzi. Un insegnamento fatto di rigore e passione, quella che consente di creare la professionalità negli allievi, forgiandone la determinazione e la volontà.
Allo spettacolo finale, “Io sono la Musica”, hanno partecipato tutti gli allievi dai piccoli ai più grandi di tutti i corsi e sotto, la sapiente regia di Antonella Parravicini, hanno saputo esprimersi in un’unica onda di energia che ha travolto ed impressionato tutto il pubblico presente alla rappresentazione, convinto di assistere ad un saggio e che ha, invece, ricevuto la magia di uno spettacolo di grande temperamento e forza. “Io sono la Musica”, spettacolo in due atti, non è quindi stata una semplice recita di fine corso ma è stato, bensì, un originale ed vibrante viaggio in omaggio alla Musica.
La Musica come musa ispiratrice di un compositore che, dopo aver raggiunto il successo, si scopre incapace di scrivere ancora note che suscitino emozioni. La musica come scienza dell'organizzazione dei suoni, dei rumori e dei silenzi nel tempo e nello spazio. Quell’arte che suscita un'esplosione di emozioni risvegliando il sommerso dentro di noi. Attraverso le illimitate opportunità di ascolto della musica, Antonella Parravicini ci ha aiutato a comprendere che attraverso il simbolico ascolto delle note dello swing, piuttosto che del Charleston, di quelle del musical, del classico tango, o della effervescente discomusic, la Musica, come l'amore, disvela orizzonti inattesi ed anche il compositore può ritrovare la sua ispirazione, quella che non era stato più capace di ascoltare !.
Uno spettacolo entusiasmante ed appagante che ha proclamato, ancora una volta, il successo di un progetto che la Parravicini condivide con i suoi allievi e con le loro famiglie, due realtà che dimostrano come le sinergie di intenti siano la risorsa cui possano attingere i quartieri, la città, il Paese per trovare risposte al disagio.
Un profondo ringraziamento va a tutti coloro che hanno reso possibile questo evento: dall’Insegnante, che ha messo a disposizione il suo talento ed il suo amore, fino ai suoi genitori, Claudio e Liliana, preziose ed insostituibili presenze del “dietro le quinte”, fino alla professionalità dei tecnici che hanno allestito le sceneggiature e gestito il backstage. Ma, ciò che ha reso prezioso ed indimenticabile lo spettacolo è stata la generosità con cui la nostra artista ha fatto calcare la scena e fatto danzare per oltre due ore di spettacolo i suoi allievi, incarnando il suo motto tradizionale “più fa male più fa bene”. Restano ancora impressi i costumi sapientemente confezionati dalla sarta Forcola; il profumo della lacca; lo sfavillare delle paillettes; il colore delle calze; i ferma capelli; il brusio del pubblico fatto di mamme, papà e migliori amici; gli applausi per i compagni…Far parte di un gruppo che condivide queste emozioni rappresenta uno dei valori più formativi e rappresenta un’esperienza che si imprime nella memoria tra i ricordi più cari.
Ricerca Teatro danza Myracae non è semplicemente una scuola di danza ma è un luogo di formazione; un luogo in cui si diventa adulti coltivando sensibilità e attenzione per le semplici, determinanti cose quotidiane; una scuola di vita dove si insegna la fiducia in sè stessi “non esiste non ci riesco, esiste CI RIUSCIRO’”

Un pensiero anche a ogni genitore, per la pazienza ed il sostegno costanti che hanno mostrato in tanti momenti, nelle ansie per l’acquisto degli abiti e la ricerca dei dettagli dell’abbigliamento. Di ogni piccola, grande traversia resta oggi, solo un ricordo perché, fin da adesso, sono già pronti per settembre ad iniziare la nuova stagione, nella consapevolezza che, grazie a queste piccole grandi emozioni, la vita continua ad essere una cosa meravigliosa.

Walter Graziani
Presidente Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.rionegarbatella.it

Per saperne di più:
Ricerca Teatro Danza Myricae
C/o PLANET FITNESS Via Ciamarra, 32 – 00154- Roma Garbatella
Tel.06.5740601
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
347.6048722

 

Write comment (0 Comments)

Pagina 1 di 18

SERVIZI

 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

PARTNER

 

 

 

 

© 2016 Associazione Culturale e Sportiva Rione Garbatella | DISCLAIMER | COOKIE POLICY | Hosting by Bsnewline