MOLISE UN'ALTRA STORIA A GARBATELLA

Molise un'altra storia a Garbatella, una settimana di eventi a Roma

 

di Dalna Gualtieri -

L'orgoglio molisano ha occasione di esprimersi al meglio con 26 appuntamenti ed un unico denominatore: il Molise, terra di arte, cultura, tradizione, che proporrà tutte le sue sfaccettature in un evento unico: una settimana di eventi a Roma, nel quartiere Garbatella. Sette giorni di mostre, concerti, enogastronomia, cultura e tanto altro, anche per chi crede che “il Molise non esiste”.

 

(UNMONDODITALIANI - UMDI) Per tutti quelli che: “Il Molise “non esiste”” alludendo alla scarsa capacità di farsi notare fra le altre regioni italiane, più grandi e ricche, vuoi per la sua natura ‘agricola’, vuoi per le piccole dimensioni che lo fanno letteralmente ‘scomparire’, per tutti loro, ma anche e soprattutto per chi il Molise ce l’ha nel cuore, la Formez PA, ente che attua progetti delle pubbliche amministrazioni, organizza una settimana di eventi dedicati alla piccola regione italiana, con il supporto di Regioni Lazio e Molise, Comune di Roma, VIII Municipio, Cna, Camera di Commercio, Millepiani (spazio condiviso di professionisti orientati all’innovazione) e associazione F orche Caudine (storico circolo dei molisani a Roma). L'evento gode del patrocinio di Expo 2015. Concentrate per lo più nella zona della Garbatella, le 26 iniziative si articoleranno come segue:

 

Omaggio al Molise ed omaggio al più grande fumettista italiano, di origini molisane, Jacovitti: la mostra, realizzata dall’associazione “Carnevalspettacolo” di Ghemme (Novara), propone al pubblico degli appassionati e dei curiosi l’opera dell’artista molisano nelle sue articolate sfaccettature attraverso cento personaggi. L’esposizione, denominata “Jacovitti, la matita molisana”, è visitabile ad ingresso gratuito dal 29 novembre all’1 dicembre 2013 presso il coworking “Millepiani” in via Nicolò Odero 13 (Garbatella).

 

Tante prelibatezze sbarcheranno poi nel Mercato Garbatella di via Passino sabato 30 novembre e la mattina di domenica 1 dicembre. Il tartufo per cominciare, di cui il Molise è il maggior produttore europeo: “Mondo tartufi” di Tavenna e “Tesori del Matese” di San Massimo assicureranno il rifornimento del prezioso tubero al Mercato. Spazio anche ai formaggi (tra cui la “stracciata”, a metà strada tra ricotta e mozzarella), assicurati dal caseificio “Sant’Anna” di Palata. Poi il miele dell’apicoltura “La valle del cigno” di Sant’Elia a Pianisi e “Trucco” di Petrella Tifernina, i salumi di Nino Di Paolo da Montenero di Bisaccia, l’olio de l “Bosco degli ulivi” di Vittoriano Pracilio, le specialità di “Filiermolise” di Bonefro, dalle paste alimentari ai derivati delle farine. Non mancheranno frutta, ortaggie verdure, marmellate, sottaceti e frutta sciroppata. Oltre alla cioccolata del “Cafè du soire” di Agnone, dulcis in fundo lo straordinario vitigno autoctono Tintilia, lavorato dalle Cantine Cipressi di San Felice del Molise e dalle cantine “San Zenone” di Montenero di Bisaccia. Per le ceramiche artistiche sarà presente Felice D’Addario di Sant’Elia a Pianisi, che produce articoli tradizionali in creta e in ceramica. La rassegna enogastronomica molisana è possibile grazie all’associazione “Keste Terre” di Montenero di Bisaccia, che opera nel campo dell’enogastronomia e dell’alimentazione e che ha aderito con entusiasmo a “Molise, un’altra Storia”, supplendo in modo impeccabile e proficuo ad organizzazioni istituzionali molisane di rappresentanza, che hanno rinunciato a tale ruolo.

 

Il gusto di proposte musicali non stereotipate, che attingono alla tradizione più autentica e ripropongono strumenti musicali che fanno parte della tradizione, quali zampogne e ciaramelle. All’interno di “Molise, un’altra Storia” sarà possibile assistere, gratuitamente, alla performance di Marcello Pastorini di Larino (Campobasso), tra i più noti animatori turistici e culturale del Basso Molise. Con lui si esibiscono “I Cantori della memoria” in uno spettacolo che tocca con maestria le corde emozionali più profonde perché ancorate alle radici e alla natura. L’appuntamento è per venerdì 29 novembre, dalle ore 15,45, presso il coworking “Millepiani” in via Nicolò Odero 13 a Garbatella.

 

Il secondo concerto, anche questo gratuito, è offerto dal gruppo “Il Tratturo” di Isernia, portabandiera della suggestiva musica popolare molisana, dove non mancano zampogne e ciaramelle. L’appuntamento è per sabato 30 novembre, dalle ore 19, presso il teatro Ambra Garbatella in piazza Giovanni da Triora.

 

Il Molise è terra da percorrere con lentezza. I suoi suoni/non-suoni, i suoi odori, il contrasto sole/ombra, la natura incontaminata, la sua gente spontanea sono esperienze che nelle metropoli contemporanee possiamo vivere soltanto attraverso le interfacce dei media, dei pixel illuminati. Il Molise è una terra ricca, proprio perché consente tale genere di esperienze. L’incontro sulla “mobilità sostenibile” vuole sprigionare energie sia nella metropoli romana sia nelle campagne e nei centri molisani: a Roma non ci si puó rassegnare ad una vita frenetica, a vivere in spazi angusti, ad essere sepolti dallo smog e dal traffico, ad una città costruita mettendo al centro degli interessi generali il consumo acritico di merci, compresi i “prodotti” culturali. Né in Molise ci si può rassegnare allo spopolamento dei borghi e delle città, all’idea di essere ai margini dei flussi che attraversano il mondo contemporaneo, alla scomparsa di una cultura popolare millenaria: la scelta non può essere l’adozione acritica di un modello “urbano” o il declino. L’appuntamento per discutere di ciò è per sabato 30 novembre, dalle ore 15 presso il coworking “Millepiani”, via Nicolò Odero 13. Saranno presenti: Cammina Molise, Ciclofficina La Strada, Federtrek, Molise-cinema, Molise Film Commission, #Salvaiciclisti di Roma,Tecnologia ecobyke, Transita (associazione per la rivalutazione delle ferrovie dimesse), Comune di Jelsi (Campobasso).

 

Gli artigiani molisani incontrano gli artigiani Cna di Roma e il movimento dei makers, i nuovi artigiani del fai-da-te digitale constampanti 3D. Presenti Simone Cicero (maker), Enrico Parisio (designer) e Francesco Rosati (presidente Unpli Molise). Si parlerà di zampogne, campane, coltelli, forbici, pietre lavorate e degli altri prodotti dell’antichissimo artigianato molisano. Domenica 1 dicembre, ore 10, a “Millepiani” .

 

L’iniziativa "Un seminario per il Molise" intende raccontare un’altra storia ai ragazzi delle scuole di design di Roma, e anche ai tanti giovani molisani che abbandonano la loro regione una volta finiti gli studi per costruirsi un futuro lontano dalla propria terra. Vuole raccontare un’altra Italia, non un Paese immaginario, ma proprio il nostro Paese: le sue energie diffuse, la voglia dei giovani di partecipare, la creatività, l’impegno, le tante bellezze che ci circondano, la nostra cultura millenaria, che solo noi possiamo valorizzare. Intende parlare, però, anche di lavoro, quindi di futuro, delle nuove esperienze in tema di economia collaborativa, di cultura open, di condivisione delle risorse, dei saperi degli spazi di incontro, di produzione, di socializzazione.

 

Le Biblioteche di Roma, su invito dell’associazione “Forche Caudine”, hanno aderito a “Molise, un’altra Storia” attraverso una vetrina di libri sul Molise e di autori molisani, posta all’ingresso della biblioteca “Marconi” in via Gerolamo Cardano 135 al Portuense, tra l’altro la più grande di Roma (quattromila metri quadrati) e tra le più frequentate della Capitale. Tra gli autori sono stati scelti: Stefano Benni, Vincenzo Cuoco, Don Delillo, Domenico De Masi, Giuseppe De Rita, Chiara Gamberale, Carlo Emilio Gadda (per “Quer pasticciaccio brutto in via Merulana”, in cui il commissario protagonista è molisano), Benito Jacovitti, Francesco Jovine e Massimiliano Smerigilio. La scelta è conseguente non solo al l’indiscutibile notorietà dei prescelti, ma anche al numero di volumi presenti nelle biblioteche, in particolare di quella del Portuense. È la prima volta che le Biblioteche di Roma dedicano tale spazio alla cultura molisana. articolo tratto da http://www.unmondoditaliani.com/molise-unaltra-storia-a-garbatella-una-settimana-di-eventi-a-roma820720131125.htm